sito web LICEO DELLE SCIENZE UMANE 'Emanuele Gianturco' - via Zara - 85100 Potenza - tel. 0971.21146  fax 0971.37502 - www.liceoscienzeumanepz.gov.it - pzpm01000c@istruzione.it
  in connessione: 2
  totale visitatori: 3863183

AI DOCENTI AI GENITORI AGLI ALUNNI - NEL SITO, SABATO 4 P.V. E' CONSULTABILE IL NUOVO ORARIO IN VIGORE DA LUNEDI' 6 OTTOBRE 2014     - 24/01/2015 ore 09.00 IN OCCASIONE DELL'OPEN DAY 24-25 GENNAIO IL PERSONALE DI SEGRETERIA E' A DISPOSIZIONE DEI GENITORI PER L'ISCRIZIONE DEI PROPRI FIGLI ALLA CLASSE PRIMA     - 30/01/2015 ore 12.40 OPEN WEEK 3-6 FEBBRAIO 2015 PRESSO LA SALA MEDIAFOR PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITA' SIGNIFICATIVE PREDISPOSTE DAGLI ALUNNI DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE     - ore 9.00 NEWS: L'ELENCO LIBRI DI TESTO CLASSE 1^ SEZ. I ECONOMICO SOCIALE SARA' NUOVAMENTE DISPONIBILE DAL GIORNO 9 LUGLIO C.A.     - 27/09/2016 ore 11:00 NEWS: AI GENITORI DEGLI ALUNNI DELLE CLASSI PRIME SOSPESO L'INCONTRO "LA CONQUISTA DELLA LIBERTA'" IN CALENDARIO DOMANI RINVIATO A DATA DA DESTINARSI     -

giovedi  
13 dicembre 2018  
 
 Home
 
 
 Questionari
Questionario Alternanza
 
 
 Info Generali
Il Consiglio d'Istituto
Il Dirigente Scolastico
I docenti
Il personale ATA
Giornale d'istituto
VideoGiornale
Contatti e recapiti
Archivio progetti
Elenco Siti Tematici
 
 
 Area dirigente
 
 
 Area docenti
 
 
 CLASSE VIVA

 
 
 Area ATA
 
 
 Concorso Fotografico -ARIANNA SABIA-
Presentazione Concorso
Foto vincitrici
Bandi e concorsi
 
 
 ERASMUS +

icona

Dialogue KA2
Youth online
Progetti Attivi
www.eatrightbesmart
 
 
 Comenius 2013-2015

icona

Europe My Story
 
 
 Area Ind. SPORTIVO
Risultati e Comunicazioni
 
 
 Alternanza Scuola Lavoro
Documentazione
Modulistica
Questionario finale
 
 
 No al bullismo

icona

Indagine conoscitiva
 
 
 PON 2014-2020

Il progetto
 
 

Il giornale d'istituto...



sommario




pubblicato da
RESTAINO Rosangela
(A051 - LETTERE, LATINO NEI LICE E IST. MAGISTR.) 
15/07/2017 17:03:44

Stagiste abusate: l'alternanza scuola-lavoro crea manodopera rcattabilr e senza diritti

Il FattoQuotidiano.it / BLOG / di Marina Boscaino
SCUOLA
Stagiste abusate, l’alternanza scuola-lavoro crea manodopera ricattabile e senza diritti
di Marina Boscaino | 15 luglio 2017
Stagiste abusate, l’alternanza scuola-lavoro crea manodopera ricattabile e senza diritti
COMMENTI

Dopo la notizia che alcune scuole hanno fatto svolgere ai propri studenti l’alternanza scuola lavoro presso le parrocchie, violando il principio di laicità della scuola pubblica; dopo aver registrato i più fantasiosi e sconcertanti abomini, da attività presso le grandi catene come Mc Donald’s (ad onta dell’educazione alla salute di cui tanto si parla e che molti vorrebbero inserita come disciplina curriculare nelle scuole), alla pulizia dei gabinetti degli autogrill, oppure ai tentativi di compensazione, facendo fotocopie o compilando scartoffie di ogni tipo, delle carenze di organico in alcuni uffici pubblici; dopo tutto ciò e molto altro, la notizia delle quattro ragazze di Monza abusate dall’imprenditore presso il quale svolgevano il proprio periodo obbligatorio di alternanza scuola lavoro configura un punto di non ritorno rispetto a qualsiasi possibilismo, ragionevole attesa, cautela relativa forse al più scandaloso provvedimento della sedicente Buona Scuola: giudizio drasticamente negativo e senza appello.


La legge 107/15 ha infatti introdotto l’alternanza obbligatoria tra studi ed esperienze lavorative per gli studenti degli ultimi tre anni delle secondarie di secondo grado, che, dall’anno scolastico 2018/9, è anche prevista come materia dell’esame di Stato. Un piano da 200 ore per ogni studente dei trienni del liceo e da 400 ore per quelli degli istituti tecnici e professionali: la risposta, Renzi’s style, alla presunta dipendenza dell’elevata disoccupazione giovanile in Italia dall’incapacità della scuola di formare competenze adeguate per le imprese; la ricetta del semprepresente ex premier fu: meno scuola, più esperienza di lavoro; qualche crocetta ai test Invalsi, un lavoro decontrattualizzato. Ecco come spegnere per sempre qualsiasi velleità di approfondimento, sapere critico analitico e cittadinanza consapevole. Ce lo chiede (anche questo) l’Europa.

Non esiste e non è mai esistita alcuna seria motivazione razionale alle forzature sull’alternanza scuola-lavoro. La legge ha subito causato molti problemi agli istituti e ai docenti, con gare tra scuole per piazzare centinaia di studenti, talvolta su territori limitati: nel primo anno di attuazione della norma erano coinvolti 653 mila alunni; e dall’a.s. 2018/9, quando si andrà regime, il processo riguarderà un milione e mezzo di studenti. È estremamente difficile proporre a ciascuno studente un percorso qualificato e qualificante, coerente con il percorso scolastico, non in conflitto con l’orario di lezione. Queste tre condizioni difficilmente riescono a combinarsi, tanto che spesso si tratta di esperienze, quando non inutili e lesive del tempo scuola e dello studio pomeridiano (come accade sovente per i percorsi proposti ai liceali), ai limiti della legalità, come si è verificato in molte situazioni, soprattutto a carico degli studenti dei professionali; o tragicamente illegali, come nel caso di Monza. A fronte di casi di eccellenza – che fanno registrare, però, ancora una volta, un divario considerevole tra Nord e Sud – il mondo dell’alternanza presenta infinite zone d’ombra, che non è più possibile tollerare. Gli arroganti dilettanti allo sbaraglio del Miur hanno giocato alla “modernità” sulla pelle dei nostri figli: nel registro nazionale per l’alternanza (in cui compaiono i soggetti certificatori) c’è di tutto, come dimostrano tristemente le violenze di Monza.


Nessuno (e forse il sindacato, da questo punto di vista, avrebbe dovuto dimostrare la massima sensibilità) si sta occupando del fatto che, oltre che un bacino di potenziale sfruttamento, per lo più ai danni di studenti minorenni (quelli del terzo e quarto anno delle superiori), e di uno svuotamento del concetto di cultura emancipante, l’alternanza scuola-lavoro configura, in perfetta continuità con il Job’s Act, la costruzione intenzionale di un lavoratore acritico, totalmente inconsapevole dei propri diritti e dei propri doveri; per il quale contratto e decenni di lotte per la dignità del lavoro non rappresentano assolutamente un riferimento, né un vincolo imprescindibile.

Il caso di Monza, con le ragazze (tra i 15 e i 17 anni) ridotte in uno stato di soggezione psicologica per il fatto che l’imprenditore doveva redigere e inviare alla scuola la valutazione finale, dalla quale dipende l’esito dell’intero anno scolastico, dimostra quali siano le caratteristiche dei futuri lavoratori modello Job’s Act: demansionati, acquiescenti, inconsapevoli, succubi, ricattabili.

Scandalosa la reazione della ministra Valeria Fedeli, che ha parlato del caso delle ragazze monzesi (si ipotizza non le uniche ad aver subito violenza) come di qualcosa che non la riguardi direttamente. Il caso (ma dai?) sarebbe di «enorme gravità». Ha inoltre dato sostegno alla decisione annunciata dall’assessore regionale lombardo all’Istruzione, Valentina Aprea, di «volersi costituire parte civile contro l’indagato». «È inammissibile che le nostre ragazze e i nostri ragazzi possano essere oggetto di simili violenze, mentre stanno svolgendo un pezzo della loro formazione». Già, è inammissibile. Come è inammissibile che non ci sia mai un’assunzione di responsabilità; ad esempio: chi ha autorizzato l’imprenditore a entrare nell’albo? Le domande sarebbero moltissime. Ad esse difficilmente qualcuno darà risposte e – soprattutto – da parte di un ministero ridicolo e ridicolmente guidato da una signora che sbandiera il suo passato di sindacalista e sostenitrice delle lotte per i diritti delle donne, ma non riesce nemmeno a garantire l’incolumità fisica, psichica e etica dei e delle giovani che ogni giorno si affidano alla pubblica istruzione.

E’ ora di invertire la marcia. E adesso occorrono parole chiare e definitive. Sindacati, ministero e governo devono esprimersi inequivocabilmente e dalla società civile deve partire una richiesta intransigente.






pubblicato da
GIROLAMO Angela
(A051 - LETTERE, LATINO NEI LICE E IST. MAGISTR.) 
30/05/2017 23:15:38

Grazie

Grazie ragazzi della V E ! Non sono una vostra insegnante, ma da insegnante mi ha commosso la lettera scritta con il cuore al vostro Mariano. Un gesto semplice, di quelli che non si fanno più. Denota che forse qualcosa ancora si “muove” nelle nostre scuole, che tutta l’umanità che dovrebbe imperare nella nostra vita esiste, c’è, è presente. Grazie per avermi permesso di leggere, in un giorno ordinario parole gentili e quindi “straordinarie”, parole d’amore, di attenzione verso un compagno, segno che ognuno di voi è “speciale” a proprio modo, che certe presenze sono sempre un valore aggiunto e che nessuno può e deve passare inosservato nelle nostre vite. Bravi!
Grazie
Angela Girolamo
Homo sum, humani nihil a me alienum puto
(Terenzio)




 

1  2   3   4   5   6   7   8   9   10   11   12   13   14   15   16   17   18   19   20   21   22   23   24  avanti--> ]

 
 ORIENTAMENTO
Offerta formativa A.S. 2019-20
LES (liceo economico sociale)
Open Day
Un giorno al Liceo
Scopri i tuoi talenti
FAQ
Fotogallery
 
 
 Amministrazione Trasparente

Piano Prevenzione Corruzione
 
 
 Didattica
Concorso Ernesto De Martino
I libri di testo
 
 
 POF e regolamento
Regolamento di istituto
POF 2017-2018
 
 
 PTOF
Sintesi
 
 
 Percorsi multidisciplinari primo biennio
Questionario classi prime
Questionario classi seconde
 
 
 Albo
Albo online
Avvisi e circolari
Albo Istituto
Albo Sindacale
Archivio News
 
 
 Varie
Graduatorie d'istituto
Modulistica docenti
Modulistica
 
 
 EIPASS
European Informatics Passport

icona

INFORMAZIONI
MODULISTICA
 
 
 Cambridge Assessment English
Corsi ed attività
 
 





Privacy        Note Legali         Accessibilità  Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!

  tel. 0971.21146  fax 0971.37502    C.F.: 80007010764
Codice meccanografico: PZPM01000C    Codice Univoco per fatturazione: UFVSQA
email: pzpm01000c@istruzione.it     email certificata: pzpm01000c@pec.istruzione.it

Home | Area DS | Area studenti | Area genitori | Area docenti | Area ATA |Amministratore

 © Copyright 2015 InteractiveSchool 

Interactive School è un marchio registrato by Rocco De Stefano